Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità, contenuti e servizi più vicini ai tuoi gusti e interessi. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate. Per per saperne di più fai clic qui.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/mikkel-hansen-denmark.jpeg
In diretta

Con la cerimonia di apertura di oggi (venerdì) hanno ufficialmente preso il via i Giochi Olimpici di Tokyo 2020. Tra i circa 11.500 atlete e atleti al via, ci saranno anche quelli delle 24 squadre – 12 maschili e 12 femminili – tornei di pallamano le cui gare si disputeranno allo Yoyogi National Gymnasium. 

UOMINI. Il torneo maschile si aprirà il 25 luglio e terminerà l’8 agosto. A difendere l’oro conquistato a Rio nel 2016 sarà la Danimarca, grande favorita anche quest’anno dopo avere vinto, peraltro per la seconda volta consecutiva, i Campionati Mondiali nel gennaio scorso in Egitto. La squadra del vichingo Mikkel Hansen potrebbe rientrare ancora una volta in un trio tutto scandinavo che ruota attorno al podio: la Svezia, finalista anche in terra egiziana, oppure la Norvegia della superstar Sander Sagosen hanno grandi ambizioni.

In generale il quadro è quello a cui gli appassionati sono abituati, con le europee – sono in tutto sette – destinate a dominare. Anche se c’è una innegabile curiosità per il Giappone del tecnico islandese Dagur Sigurðsson, seduto sulla panchina nipponica dal 2016 dopo l’oro europeo ottenuto con la Germania.

I gironi del torneo maschile:

Gruppo A: Norvegia, Francia, Germania, Brasile, Spagna, Argentina
Gruppo B: Danimarca, Svezia, Portogallo, Giappone, Egitto, Bahrein 

Il calendario è consultabile qui

DONNE. Si comincia il 26 luglio, si finisce il 9 agosto. Qui la situazione medaglie è più complessa: i più dicono Norvegia, se non altro perché ha vinto gli Europei a dicembre e perché annovera in rosa alcune delle giocatrici più forti del globo, su tutte le solite Stine Oftedal a Nora Mørk. Ma l’oro l’ultima volta l’ha vinto la Russia in finale contro la Francia, quest’ultima finalista anche a fine anno nella rassegna continentale. 

Ma la concorrenza è notevole. L’Olanda, ad esempio, ha chiuso quarta nel 2016 ed è campione mondial in carica. Non ha brillato agli Europei, è vero, ma è una squadra temibile e con grandi giocatrici. Insomma, occhio.

I gironi del torneo femminile: 

Gruppo A: Olanda, Montenegro, Norvegia, Giappone, Corea del Sud, Angola
Gruppo B: Spagna, ROC (Russia), Ungheria, Svezia, Francia, Brasile

Il calendario è consultabile qui

DOVE VEDERE LE PARTITE. Per seguire tutte le Olimpiadi bisognerà avere un abbonamento a Discovery+ (al pacchetto che prevede l’offerta sport al costo di 7,99 euro/mese) o alla piattaforma online Eurosport Player.  

La Rai trasmetterà le gare di tutte le discipline in modo parziale: un eventuale copertura della pallamano, che potrà comunque riguardare solo le finali per l’oro, sarà definita in seguito.  

Sarà possibile seguire le Olimpiadi sui canali Eurosport che fanno parte dell’offerta di Dazn, ma non su Sky. Inoltre, poiché Discovery detiene l’esclusiva per ciò che riguarda la trasmissione in streaming delle Olimpiadi, le gare trasmesse dalla Rai non saranno disponibili sulla piattaforma RaiPlay.