Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità, contenuti e servizi più vicini ai tuoi gusti e interessi. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate. Per per saperne di più fai clic qui.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/editor/gruppo_nazionale_u17m_Chieti.jpg

Dal Territorio – Medicina, Dello Vicario e Morosi a Chieti con il sogno della maglia azzurra

Campionati giovanili

E’ trascorsa appena una settimana dalla conclusione dello stage della nazionale under 17 a Chieti, il ricordo è ancora fresco per i tre ragazzi dell’Area 2 convocati dai coach Trillini e Tedesco: i Tortonesi Tommaso Medicina e Valentino Dello Vicario e il giocatore del Crenna Massimo Morosi.

“Non mi sentivo pronto per un ambiente così professionale, è stato quasi un salto nel vuoto. Il solo entrare in palestra al centro tecnico mi ha spinto a dare il meglio di me, Si respirava pura pallamano - il commento di Dello Vicario - è successo tutto molto velocemente, prima lo stage d’Area a Leno e dopo pochissimo tempo la convocazione in Azzuro, sono rimasto senza fiato nel leggere il mio nome”

Mentre Medicina, già protagonista dello stage Under19 della scorsa estate, si sofferma sull’aspetto tecnico “Queste esperienze forniscono un bagaglio di insegnamenti fondamentali per la crescita personale che si ripercuotono positivamente anche sul lavoro che fatto nel club. Ho molto apprezzato le modalità di insegnamento da parte degli allenatori, sempre presenti a correggerci ad aiutarci e motivarci”.

“Sono stato molto felice della tre giorni a Chieti, ho potuto conoscere molti atleti provenienti da diverse zone d’Italia e rendermi conto del livello tecnico di realtà lontane dalla mia - racconta Morosi – questo mi sprona a dare sempre il meglio, sia in allenamento che in partita, sono tornato a Gallarate con una marcia in più”.

Un’esperienza di questo tipo fa viaggiare la mente e i progetti per il futuro, la volontà di tutti e tre i ragazzi è di continuare a giocare, di farsi strada senza però perdere di vista gli impegni scolastici. I 40 atleti presenti al centro tecnico saranno la base su cui crescerà la futura nazionale under 17 che questa estate a luglio parteciperà agli Europei Open a Goteborg in Svezia, la speranza per i giovani dell’Area 2 è di poter continuare a vivere il sogno azzurro anche in futuro.

 

(foto: Fabrizia Petrini)