Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità, contenuti e servizi più vicini ai tuoi gusti e interessi. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate. Per per saperne di più fai clic qui.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/editor/pala_keope.jpg

Dal territorio - Emilia Romagna: Final 4 under 19, l'ora della verità

Sarà un weekend di fuoco quello che si consumerà in Emilia sabato 15 e domenica 16: vanno in scena le finali del campionato Under 19 Youth League e il pronostico sulla squadra che si aggiudicherà il titolo regionale è più che mai incerto.

Mentre al Palabursi di Rubiera si sfideranno per le posizioni dal quinto all’ottavo posto i padroni di casa del Secchia, il Rapid Nonantola, la Scuola Pallamano Modena e il Romagna B, sarà al Palakeope di Casalgrande che si daranno battaglia le quattro regine.

Nella prima semifinale (alle 17,30) sarà il turno della pallamano Bologna 1985, unica squadra a giungere alle finali a punteggio pieno, opposta ai padroni di casa del Casalgrande. Gli emiliani hanno ceduto la prima posizione del girone A al Carpi che nell’ultima sfida prima delle finali ha vinto lo scontro diretto 34-25 ribaltando l’esito dell’andata che aveva visto invece vincere il Casalgrande 30-25.

La seconda semifinale (inizio ore 19,30) sarà quindi proprio tra Carpi e Romagna ‘A’ che in teoria arriva alla fase decisiva un po’ sotto traccia ma che può contare su tradizione e talento sufficienti a trasformarla in sorpresa.

Domenica alle 16 la finale per il terzo posto e alle 18 la finalissima per stabilire la formazione campione regionale della stagione 20/21.

E se l’adrenalina scorre a fiumi nelle vene dei ragazzi che si troveranno a contendersi il titolo, per gli addetti ai lavori sarà l’occasione per tenere d’occhio i giocatori giovani più promettenti dell’Emilia Romagna. Sul parquet scenderanno due azzurri che sognano l’europeo di categoria ma anche altri talenti di prospettiva che hanno tutte le carte in regola per coltivare speranze di calcare grandi palcoscenici.