Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità, contenuti e servizi più vicini ai tuoi gusti e interessi. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate. Per per saperne di più fai clic qui.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/editor/samuele_serafini_carpi.jpg

Dal territorio - Serafini comanda e il Carpi si prende il titolo

E’ Carpi a sollevare la coppa di campione Regionale Under 19 e a staccare il biglietto per le finali nazionali, alla fine di una final 4 estremamente equilibrata che ha infiammato il parquet del PalaKeope di Casalgrande.

Sono state quattro partite aperte, appassionanti e che hanno messo in mostra tanti talenti interessanti, che possono scrivere il futuro della pallamano emiliana ed italiana.

Un esempio di questo equilibrio è fotografato dalla semifinale tra Bologna e Casalgrande, con i rossoblu che davano l’impressione di dominare nel primo tempo volando anche a +7 per poi essere ripresi nella ripresa ed avere la forza di rivincere nello sprint degli ultimi minuti e guadagnarsi la finale contro il Carpi, capace di regolare il Romagna nella seconda semifinale.

Nella finalina per il terzo posto il Casalgrande mette il turbo nella ripresa trascinato da Aldini e Prodi e stacca il Romagna. La finalissima invece il Carpi mette in vetrina un vero dominatore, Samuele Serafini che con 14 reti mette KO il Bologna e consegna il titolo regionale ai carpigiani.

“E’ una grande soddisfazione – ha detto alla fine Davide ‘Stecca’ Serafini, allenatore del Carpi e zio del terzino che ha deciso la finale – da quando abbiamo iniziato il nostro progetto tecnico, abbiamo scelto di lavorare con un certo metodo e adesso è davvero bello cogliere questi risultati.

La squadra con cui abbiamo vinto è composta per gran parte di ragazzi più giovani rispetto all’età limite, quindi è un gruppo che può ancora crescere e ci dà un orizzonte interessante”.

Impossibile non parlare di Samuele Serafini che tra uno zio allenatore (e con una grande carriera in campo) ed un padre ex portiere (anche lui a ottimo livello) è cresciuto con la pallamano nelle vene. “Ha delle possibilità importanti, come tutti ha il sogno della nazionale e di arrivare ad alti livelli, ma c’è una sola strada per arrivarci: deve lavorare e noi qui siamo pronti a farlo”.