Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità, contenuti e servizi più vicini ai tuoi gusti e interessi. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate. Per per saperne di più fai clic qui.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/editor/pallamano_bologna85_coppa.jpg

Dal territorio - Pallamano 85, è qui la festa

Impresa dei giovani bolognesi della Pallamano 85 San Lazzaro che si aggiudicano la final four del torneo regionale di serie B, imponendosi sul Rubiera e centrando al primo tentativo la promozione in A2.

Il progetto è nato nell’agosto scorso quando il settore giovanile gestito da Andrea Fabbri si è ritrovato orfano della collaborazione con altre società bolognesi. Si tratta di un vivaio che ha sfornato talenti della pallamano bolognese e nazionale, ultimo fiore all’occhiello Giacomo Savini, nazionale ed “emigrato” nella quotata balonmano spagnola.

La finale con il Rubiera è stata una gara intensa, degna conclusione della final four disputata in 2 giorni a Castelnovo di Sotto; partenza sprint dei reggiani che dopo 4 minuti sono avanti 3-0 nel punteggio, Pallamano 85 che rientra in partita e conquista il primo vantaggio a metà primo tempo sul 10-9 con il gol di Norfo, da questo momento in poi la Pallamano 85 manterrà sempre le redini del match non permettendo al Rubiera di recuperare nel punteggio.

Finale di primo tempo con il portiere Magri, subentrato all’eroe della semifinale Mingarelli, sugli scudi con ottime parate e punteggio che amplifica il vantaggio bolognese, 18-12 all’intervallo; ripresa con il Rubiera che tenta la rimonta e riesce ad arrivare fino al -3 sul 23-20 ma i ragazzi di Fabbri mantengono la giusta concentrazione, riuscendo anche a superare le fatiche fisiche delle 2 partite disputate in sole 48 ore, portano a casa vittoria, titolo e promozione concludendo sul punteggio 33-26.

A fine partita, grande festa tra i felsinei con Norfo che con 11 reti si consacra come miglior giocatore della finale; ottime anche le prove di Cimatti (7 reti) e capitan Toschi (5).

L’anno prossimo ai nastri di partenza i derby saranno al calor bianco, ma è proprio in queste partite che i giocatori possono vivere le emozioni e le tensioni che li fanno crescere.  

 

nella foto, capitan Toschi portato in trionfo assieme alla coppa