Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità, contenuti e servizi più vicini ai tuoi gusti e interessi. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate. Per per saperne di più fai clic qui.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/editor/massimiliano-bardini-toscana.jpg

Dal Territorio - Massimiliano Bardini nuovo presidente della regione Toscana

Dal Territorio - Area 5

La Toscana ha eletto con un’ampia maggioranza il presidente regionale nella figura di Massimiliano Bardini. “Ringrazio tutte le società intervenute per questa elezione regionale – dice il neo-presidente - Sono stati mesi di campagna elettorale intensa, dove la partecipazione è stata costante. Ci siamo confrontati liberamente, ognuno con le proprie idee organizzative e di sviluppo sportivo”.

Bardini, tuttavia, sottolinea di non essere stato solo durante la campagna elettorale, affiancandosi ad uno staff motivato e con le idee ben chiare sul futuro della pallamano in Toscana. “Non avevo solo il peso e l’onere della mia candidatura ma anche quella dei consiglieri regionali che sentendo i punti del programma hanno abbracciato con particolare spirito di amalgama le mie idee. Nel nostro modo di ragionare non abbiamo ragionato solo per la vittoria ma anche per mettere alla luce le virtù e le capacità delle società toscane che credetemi non sono seconde a nessuno”.

Ad oggi infatti molte squadre della regione si stanno ben comportando, conquistando piazzamenti di rilievo nelle competizioni nazionali seniores e giovanili. “Abbiamo eccellenze nel campo femminile come Tushe Prato (campione italiano Under eccellenze nel beach handball con la Pallamano Grosseto da anni ai vertici del settore e campione d'Italia sia nel femminile che nel maschile ed eccellenze nel promozionale e nelle categorie giovanili con la Pallamano Medicea, giovane società ma che dai numeri di tesserati e dalle frequenti presenze alle finali nazionali di categoria mostra le sue grandi capacità tecniche e organizzative”.

Ora però c’è solo da guardare al futuro e organizzare il lavoro nel migliore dei modi. “La vittoria è stata netta nei numeri ma oggi non ci sono nè vincitori nè vinti. Oggi c’è un presidente Figh Toscana e un consiglio che lavorerà per un futuro unito e pieno di soddisfazioni per tutto il nostro movimento”.