Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità, contenuti e servizi più vicini ai tuoi gusti e interessi. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate. Per per saperne di più fai clic qui.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/editor/foto_reusia_ragusa.jpg

Dal Territorio - Il Crazy Reusia ai nastri di partenza del campionato U20.

Campionati Giovanili

Un’importante opportunità di crescita sia tecnica che societaria. E' così che il tecnico della Crazy Reusia Ragusa, Mario Gulino, commenta la decisione della sua società di partecipare al Campionato Under 20 nazionale. Per il coach ibleo questa è una preziosa occasione per arricchire il bagaglio d'esperienza dei suoi atleti.

“Intanto voglio precisare che come società parteciperemo non solo al campionato Under 20 nazionale ma anche all'Under 17 e Under 15 – spiega – per i primi due me ne occuperò sempre io visto che ben 10 atleti che fanno parte dell'organico della A2 sono Under 20. Dell'Under 15 invece se ne occuperà Salvatore “Batù” Russo che dopo essersi ritirato svolge il ruolo di assistente e preparatore atletico nella squadra maggiore ed in più si occupa dei bambini e di questa categoria”.

Per Gulino questo nuovo campionato rappresenta un’importante opportunità di crescita per il movimento giovanile nazionale.

“Intanto un grazie alla mia società che ci sta dando questa chance perchè anche da un punto di vista finanziario è un impegno di non poco conto. Ci ritroveremo a confrontarci non solo con formazioni siciliane che già conosciamo ma anche con altre come Lanzara e Conversano. Ed inoltre dopo la disputa di due concentramenti con le formazioni del nostro girone ne sono previsti altri due con un girone del Nord. Quindi un’ esperienza anche per la stessa società da un punto di vista organizzativo”.

Per Gulino un unico neo se così si può definire l'eccessiva a suo dire “distanza” tra un concentramento e l'altro. “Ma ad ogni modo sono aspetti che eventualmente si possono correggere per il futuro – continua – la cosa importante è essere riusciti a creare un campionato dove tanti ragazzi che magari non possono più giocare nell'Under 17 e si trovano nel giro delle formazioni maggiori ma con poco spazio per poter giocare, invece con questo campionato per loro si aprono interessanti opportunità di crescita”.