Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità, contenuti e servizi più vicini ai tuoi gusti e interessi. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate. Per per saperne di più fai clic qui.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/editor/foto_danilo_guarasci.jpg

Dal Territorio - Danilo Guarasci, capitano dell’Enna. “Abbiamo margini di crescita”

Serie A2 Maschile

Diciotto anni di pallamano. E’ sicuramente un titolo che potrebbe certificare il suo ruolo. Ma quello di “capitano” a Danilo Guarasci gli arriva prima di tutto dalla stima e l’affetto dei suoi compagni.

Trentadue anni nato come terzino ma “convertitosi” poi nel ruolo di Pivot, Danilo ormai da 3 stagioni veste l’ambita fascia che da autorevolezza e orgoglio ad ogni giocatore.

“E’ vero per me essere il capitano è un onore ma soprattutto un onere – commenta – il giorno in cui l’allora nostro tecnico ci comunicò della scelta di darmi questi “gradi” per me fu una sorpresa, ma non invece per i miei compagni che mi dissero che li meritavo da tempo. E questo attestato di stima mia ha inorgoglito”.

Danilo ha iniziato così una quarta stagione da capitano che si sta rivelando ad oggi molto brillante.

“Si è vero siamo partiti molto bene – commenta – anche con la sconfitta interna contro il Lanzara che a mio avviso si poteva evitare. Ma ad ogni modo siamo nei quartieri alti della graduatoria e vogliamo rimanerci”.

Tra l’altro quest’anno avete una nuova guida tecnica.

“Il nostro nuovo tecnico Salvo Cardaci per certi versi ha “stravolto” il nostro concetto di pallamano – continua – ma dopo un primo breve periodo di “ambientamento” abbiamo capito subito cosa voleva e penso che siamo entrati perfettamente nella sua mentalità”.

Un campionato quindi dove la Orlando Pallamano Haenna potrebbe rivelarsi una vera sorpresa.

“A mio avviso il Fondi è una spanna su di tutti – continua – e lo sta dimostrando con i risultati. Poi vedo il Ragusa anche se probabilmente avrebbe bisogno di qualche altro atleta di esperienza per allungare l’organico. E poi vedo il Lanzara e tutte le altre squadre. La classifica è abbastanza corta e quindi c’è un campionato tutto da giocare all’insegna dell’equilibrio”.

Sabato prossimo per voi il primo vero esame di maturità.

“Proprio così – continua Danilo – da sabato prossimo avremo un calendario sicuramente molto più impegnativo a partire proprio dalla gara interna di sabato quando incontreremo il Fondi. Per noi questo è un vero esame di maturità. Ma sono sicuro che a prescindere dal risultato  daremo il massimo per giocare una buona gara”. 

(Foto: Giuseppe Arangio)