Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/WhatsApp_Image_2018-03-06_at_18.37.29.jpeg

Kongsberg tinta d'azzurro: il pivot Cappellaro promossa in Eliteserien

Azzurri all'Estero

Dall’Italia alla Eliteserien norvegese, sempre con l’Azzurro dentro. Angela Cappellaro e lo Skrim Kongsberg fanno decisamente festa. Domenica pomeriggio, con la vittoria in trasferta a Bergen contro il Viking TIF (33-30), la formazione del pivot della Nazionale femminile ha infatti centrato la promozione nella Eliteserien della prossima stagione.

Per il pivot di origini padovane, una prima volta. Per club nelle cui fila milita da due stagioni, invece, si tratta di un ritorno tra le grandi della Pallamano norvegese. Tutto, della nazione per eccellenza dell’handball femminile: 29 medaglie dal 1986 a oggi – di cui 12 d’oro fra Olimpiadi, Mondiali ed Europei – fanno della Norvegia la patria di questo Sport. La Eliteserien, poi, esprime due club in Champions League e ne vede altrettanti, Kristiansand e Larvik, ancora in corsa ai quarti di EHF Cup. Numeri da bridivi.

Kongsberg, poco più di 23mila abitanti nel sud della Norvegia, è la città che ha accolto Angela, 58 presenze con l’azzurro addosso. “La promozione era l’obiettivo che la Società aveva – racconta –, specie dopo l’anno scorso nel quale siamo approdate ai Play-Off senza riuscire a conquistare l’accesso all’Eliteserien. Abbiamo giocato con questo obiettivo in testa e io sono particolarmente contenta perché sono arrivata qui due anni fa, quando la squadra era appena retrocessa, e ho partecipato alla risalita. Ad ogni partita giocata mi sono sentita sempre più parte del gruppo. La Norvegia? Giocare in una nazione così importante per la Pallamano mi ha sicuramente aiutata a crescere. Spero di continuare a farlo, in particolar modo per dare un aiuto sempre maggiore alla Nazionale”.

Di gare da giocare, lo Skrim Kongsberg ne ha ancora tre. Ma i giochi sono fatti, merito di un ruolino di marcia composto da 18 risultati utili in 19 partite, valsi un +9 non rimontabile dal Rælingen, la terza forza della 1. Divisjon. “Questa stagione ci ha visto protagoniste fin dall’inizio. Nel girone di andata in particolar modo abbiamo preso una buona scia con un percorso netto di vittorie e in quello di ritorno abbiamo subito solo una sconfitta e un pareggio”.

Un cuore diviso fra il suo Veneto, Kongsberg e ovviamente la Nazionale, con la quale all’orizzonte c’è il doppio impegno di qualificazione agli EHF EURO 2018 contro la Slovacchia. “Loro sono una buona Nazionale, ma noi giocheremo per vincere. Saranno importanti i giorni di raduno, l’approccio verso la gara e il sostegno che avremo dal pubblico di casa. Proveremo il tutto per tutto e daremo il massimo per essere pronte”.