Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/cittasantangelo_a2_2.jpg

[Focus A2] Città Sant'Angelo sogna il ritorno tra le grandi

Serie A2 Maschile

Il Città Sant’Angelo sta dominando il Girone D del campionato di Serie A2 con un unico obiettivo: ritornare a far brillare gli occhi dei suoi tifosi in grandi palcoscenici. Nelle ultime stagioni l’ambiente abruzzese ha vissuto un’altalena di emozioni, dall’aver riscritto la storia societaria con l’accesso alla Poule d’Ammissione Scudetto alla mancata iscrizione in A1 per problemi finanziari. Dopo la delusione, la società non ha mollato del tutto e ha deciso di ripartire con grande fermezza e ambizione.

 Anche quest’anno, in ogni caso, le emozioni non stanno mancando ma sono tutte deliziosamente positive: primato incontrastato del raggruppamento e Final8 quasi in pugno. La squadra ha fatto i conti con la sconfitta in una sola occasione, contro la Lazio il 25 novembre scorso, poi tredici vittorie e margine di cinque lunghezze sul Putignano secondo. Uno dei grandi artefici è sicuramente il tecnico Ernani Savini, sulla panchina angolana da due anni: “Il campionato è interessante, prevedo che ci sarà bagarre fino all’ultima giornata. Noi abbiamo avuto un solo passo falso fin qui per cui speriamo di chiudere il discorso primo posto il prima possibile”.

La squadra è composta dal giusto mix tra giocatori più esperti e giovani che sta dando risposte importanti: “L’operazione di rinnovamento è iniziata quest’anno ma andrà avanti anche la prossima stagione. Abbiamo 4-5 giocatori che costituiscono il nucleo storico della squadra che si sono messi a disposizione dei giovanissimi, facendo loro da esempio”. Un collettivo nuovo ma costantemente in crescita: “Il gruppo, pur essendo molto eterogeneo per età e livello tecnico, sta facendo molti progressi. Stiamo iniziando a parlare la stessa lingua in campo e l’identità di gioco fa sentire tutti coinvolti nel progetto. Di questo sono molto soddisfatto”.

Tutti uniti per l’obiettivo comune: “L’accesso alla Final8. Lì ci aspetteranno partite contro ottime squadre e capiremo se il lavoro che stiamo facendo avrà dato i suoi frutti. Vogliamo a tutti i costi ben figurare”.

(foto: Fabrizia Petrini)