Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/66023046_2401793906545211_2060484975135817728_o.jpg

Pallamano@Scuola: con CONI e MIUR la FIGH va a gonfie vele

Pallamano Nazionale

Sono stati 41 gli istituti in Italia presso i quali 37 tecnici federali hanno potuto insegnare pallamano, per un totale di quasi 1.500 ore di prestazioni curriculari. Ogni istituto, dove è stato sviluppato il Progetto Scuola della FIGH, ha ricevuto in dote un kit scolastico (porte, palloni, casacche) che rimarrà nella dotazione della scuola anche per la prossima stagione. È di 21mila euro il compenso complessivo messo a disposizione del CONI (Comitato Olimpico Nazionale Italiano) che premierà i tecnici federali impegnati.

Sono soltanto alcuni dei numeri che certificano lo straordinario lavoro portato a buon fine dalla Federazione in un settore delicatissimo e strategico come la diffusione della Pallamano nelle scuole italiane. Ma c’è dell’altro che riguarda, nello specifico, l’attività vera e propria.

Al Trofeo “CONI KINDER + 2019” che si disputerà dal 26 al 29 settembre a Crotone - una mini Olimpiade con oltre 4.000 mini atleti presenti di ogni disciplina -, la FIGH sarà la prima Federazione per numero di partecipanti: 16 formazioni rappresentative di altrettante Regioni, a componente mista, qualificate dopo i gironi regionali.

Impegnata per il secondo anno direttamente nella gestione del progetto “Scuole Aperte allo Sport” – realizzato in accordo con CONI e MIUR – la FIGH, grazie al lavoro certosino portato avanti da Consiglio Federale e in modo particolare dal vice-presidente Gianni Cenzi, è passata da 19 istituti coinvolti nel primo anno di attività ai 42 certificati nell’anno appena concluso, sparsi su tutto il territorio nazionale.

Il progetto, sostenuto interamente dal CONI, si è tradotto in circa 1.500 ore di lezione teorico pratica, per oltre 2.000 studenti della Scuola Primaria di Secondo Grado coinvolti. “Grazie alla capacità operativa dell’Ufficio Scuola FIGH, dei Delegati Regionali ed alla grande passione dei tecnici impegnati – dice il Vice Presidente Gianni Cenzi, Delegato Federale per l’Attività Promozionale e Scolastica – siamo riusciti a confermare un ottimo livello di intervento, positivamente riconosciuto dal mondo della Scuola ma, soprattutto, dai tanti studenti coinvolti”.

“Un riconoscimento – continua Gianni Cenzi - che sta producendo benefici anche per le società sportive che gradualmente, se sapremo perseverare, vedranno aumentare i numeri dei propri praticanti in età scolare. Per il mondo della Scuola e per il CONI – prosegue – la nostra disciplina incarna naturalmente molti contenuti formativi, sia motorio che di socializzazione e sviluppo della personalità, aspetti che per quest’età sono fondamentali. In questi ultimi due anni, dove è stato grande l’impulso federale nel mondo della Scuola, sia attraverso questi progetti che grazie al progetto Pallamano@Scuola, è notevolmente aumentato il numero dei praticanti nella fascia 8-13 anni”.

A testimoniare il trend in crescita provvedono anche i numeri del Festival della Pallamano di Misano Adriatico che quest’anno è passato dai quasi 900 partecipanti del 2018 agli oltre 1.200 di quest'anno.

(foto: Isabella Gandolfi)