Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità, contenuti e servizi più vicini ai tuoi gusti e interessi. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate. Per per saperne di più fai clic qui.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/pallamano_chieti-5.jpg

Per l'U18 alti ritmi a Chieti - Popovic: "Approccio ottimale dei ragazzi"

Nazionale maschile

Ultimi giorni di lavoro sul campo per l’Italia U18, che il prossimo 24 luglio completerà a Chieti il suo primo stage del dopo lockdown e importante step di avvicinamento agli M18 EURO di Celje del gennaio 2021. 

C’è di più, perché al Pala Santa Filomena si sono allenati 32 ragazzi: un gruppo allargato che attingeva dal biennio 2002/03, ma anche da atleti più giovani, nati tra 2004 e 2005. Tutti sotto la guida dello staff tecnico coordinato dal DT Riccardo Trillini e completato da Boris Popovic, Giuseppe Tedesco e Luigi Malavasi. 

Sul cammino dell’Italia U18 agli Europei di gennaio ci saranno Islanda, Serbia e Slovenia, le avversarie della fase a gironi. L’obiettivo minimo per tutte le 16 partecipanti è quello di evitare gli ultimi due posti, sinonimo di retrocessione nella 2^ divisione giovanile del 2022: un purgatorio che l’Italia della Pallamano si è lasciata alle spalle per la prima volta nella sua storia vincendo a Tbilisi l’EHF Championship 2018.

“L’obiettivo di questo raduno era naturalmente di riprendere l’attività dopo la lunga pausa”, è il commento di Boris Popovic, tecnico azzurro. “Questo stage ci ha però anche dato la possibilità di visionare giocatori del 2002/03 che non avevano avuto chances fino ad ora, come anche di valutare atleti di prospettiva del biennio ancora inferiore. Quanto alla condizione fisica, avevamo un po’ paura e invece i ragazzi si sono presentati tutti in forma: è vero, sono giovani e si riprendono in fretta, ma il loro stato attuale ci conferma il buon lavoro specifico fatto anche durante il lockdown. E poi hanno dimostrato tanta voglia di allenarsi, di stare in campo. Siamo molto felici del loro approccio”.

Il pensiero non può che andare agli Europei. Ancora Popovic: “Ci pensiamo, non potrebbe essere altrimenti. Il girone è tosto, ma lo sono tutti i gironi in una manifestazione di questo livello. Io sono fiducioso e credo che questa Nazionale possa ottenere un risultato positivo. Pressione? No, ma grande voglia di mostrare quanto valiamo e di misurarci con squadre di primo livello”. 

I 32 atleti che hanno preso parte al raduno:

PORTIERI: Riccardo Meletti (PO – 2002), Germano Albanini (PO – 2003), Nicolò Riva (PO – 2002), Sebastiano Coppola (PO – 2002)
ALI: Gabriele Sortino (AS – 2003), Gabriele Iachemet (AS –2003), Tommaso De Angelis (AS –2005), Andrea Delogu (AD – 2002), Nathan Gai (AD – 2002), Pierluigi Formato (AD – 2002), Daniele De Luca (AD – 2002)
TERZINI & CENTRALI: Giacomo Hrovatin (CE – 2002), Alex Coppola (CE – 2003), Joachim Gelo (CE – 2002), Simone La Bruna (CE – 2002), Nicola Fadanelli (CE/AS – 2002), Davide Galliano (TS/CE – 2002), Luigi Arena (TS/D – 2003), Christian Manojlovic (TS – 2005), Tommaso Medicina (TS/D – 2004), Samuele Serafini (TD – 2003), Aaron Durnwalder (TD – 2002), Federico De Ruvo (TS – 2004), Ibrahima Sidibe (TD – 2002), Thomas Bortoli (TD – 2002), Marco Zanon (TD – 2004)
PIVOT: Tommaso Romei (PI –2003), Gabriele Sontacchi (PI – 2003), Enrico Aldini (PI – 2002), Cristian Guggino (PI –2003), Gianluca Grassi (PI – 2004), David Mikulicic (PI –2004)

STAFF TECNICO: Riccardo Trillini (Direttore Tecnico), Boris Popovic (tecnico), Giuseppe Tedesco (tecnico), Luigi Malavasi (portieri)
STAFF MEDICO: Giorgio Princi, Riccardo Di Niccolo, Nicola Antonini, Francesca Giuffrida 

La composizione dei gironi degli M18 EHF EURO in Slovenia:

Gruppo A: Islanda, Serbia, Slovenia, Italia 
Gruppo B: Svezia, Spagna, Ungheria, Israele
Gruppo C: Danimarca, Germania, Norvegia, Russia
Gruppo D: Croazia, Francia, Portogallo, Austria

(foto: Fabrizia Petrini)