Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità, contenuti e servizi più vicini ai tuoi gusti e interessi. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate. Per per saperne di più fai clic qui.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/ITA-SRB-96.jpg

L'Italia sfiora la vittoria contro la Serbia: in semifinale trova la Spagna

EHF Championship

Vicina, vicinissima, sfiorata e poi sfuggita. L’Italia culla fino alla fine il sogno della vittoria contro la Serbia, ma al Centro Tecnico FIGH – “La Casa della Pallamano” di Chieti, nell’ultima giornata del preliminary round del W19 EHF Championship, deve cedere sul 26-25 (p.t. 14-13). Le balcaniche conquistano così il primato della Gruppo A e sabato in semifinale affronteranno la Lituania, mentre le azzurrine sfideranno la Spagna fin qui imbattuta. 

Partita in rimonta, briosa, fatta di velocità e ritmi a tratti vertiginosi, quella dell’Italia. Il leitmotiv, del resto, rimane quello delle rotazioni costanti, di chi entra e di chi esce per dare nuova linfa al gioco. Inamovibile il capitano Ramona Manojlovic, in doppia cifra (10) ed MVP dell’incontro assieme alla serba Kocic (6). In rimonta, si diceva. Sì, perché al 15’, nel momento più difficile per le ragazze allenate da Ljiljana Ivaci, la Serbia con Obrenovic trova il 9-5. È un +4 che rende il cammino ripido, irto di ostacoli. Ma l’Italia non molla, alza i ritmi, si poggia sulle parate di Sara Di Giugno e al 24’ pareggia con Mangone (12-12). Un’invenzione di Ponti, sottomano pregevole, vale il 14-13. Intervallo.

Al rientro De Santis consegna alla Nazionale il suo massimo vantaggio (16-14). Ma la Serbia replica: contro-break (4-0) e Milovic fa 18-16. Ancora un momento complesso. Ancora una grande Italia. Pari al 43’ con Notarianni (18-18), pari ancora con Milovic che risponde a Manojlovic (22-22). Nel mezzo ancora Di Giugno con due parate stratosferiche. Al 51’ cambia l’inerzia: se il +1 nei minuti precedenti era sistematicamente azzurro, diventa ora faccenda balcanica. Nelle battute conclusive, col 26-25 targato Obrenovic a fare la differenza, arrivano gli errori prima di Manojlovic e poi di Podda allo scadere e per il possibile pari. Vince la Serbia. Per l’Italia in semifinale c’è la Spagna, sabato pomeriggio, sempre a Chieti e in diretta su www.facebook.com/pallamano.

I risultati dell'Italia nel Gruppo A:

Data Ora Partita Risultato Match Report
12 luglio h 19:15 Italia - Bulgaria 38-32 Download PDF
13 luglio h 19:00 Italia - Turchia 37-27 Download PDF
15 luglio h 19:00 Italia - Serbia 25-26 Download PDF

La classifica aggiornata del Gruppo A:

Serbia 6 pti, Italia 4, Bulgaria 1, Turchia 1

La classifica aggiornata del Gruppo B:

Spagna 4 pti, Lituania 2, Israele 0

Gli accoppiamenti delle semifinali:

sabato 17 giugno
h 17:00 | Serbia - Lituania
h 19:00 | Spagna - Italia

(foto: Isabella Gandolfi)