Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità, contenuti e servizi più vicini ai tuoi gusti e interessi. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate. Per per saperne di più fai clic qui.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/editor/cingoli-2021-doriano-picirchiani.jpg

Dal Territorio – All’ombra di Colleluori cresce un nuovo talento: Albanesi

Dal Territorio - Area 6

La Nazionale under 17 ha da poco preso forma presso il Centro Tecnico Federale di Chieti “Casa della Pallamano” e tra i quaranta atleti convocati figurava anche il portiere della Santarelli Cingoli, Francesco Albanesi. Classe 2004, il giovanissimo estremo difensore ha avuto modo di confrontarsi con i migliori pari età della Penisola in un’esperienza molto prolifica.

“In questo stage ci hanno diviso in quattro squadre, con le quali ci siamo sfidati in un torneo – racconta Albanesi - le partite si sono alternate tra allenamenti e test di vario genere. In partita abbiamo avuto carta bianca in modo da dimostrare quello che sappiamo fare. Già conoscevo diversi giocatori del centro Italia, in quanto abbiamo giocato contro nei campionati giovanili ma in generale, questi stage danno la possibilità di allargare il nostro ventaglio di conoscenze”.

Albanesi è già nel giro della prima squadra del Cingoli che ha vissuto complicati periodi a causa dell’emergenza dovuta alla pandemia. “Penso che il covid abbia influenzato non solo lo sport ma tutti i settori – dice Francesco - tuttavia per il club penso che la salvezza sia l'obbiettivo primario quindi certe difficoltà erano preventivabili”.

Tanti rinvii anche nel campionato di Serie B, dove il portiere è in pianta stabile tra i convocati. “Per quanto riguarda la Serie B, non siamo riusciti ad avere una panoramica delle altre squadre per questa situazione particolare, però l'obbiettivo resta sempre lo stesso: quello di vincere il maggior numero di partite possibili”.

(foto: Doriano Picirchiani)