Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità, contenuti e servizi più vicini ai tuoi gusti e interessi. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate. Per per saperne di più fai clic qui.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/editor/città-santangelo-2021-emanuele-biancofiore.jpg

Dal Territorio – Città Sant’Angelo ritrova l’antica ambizione. “L’obiettivo è ritornare in serie A”

Dal Territorio - Area 6

E’ imminente la partenza del campionato di Serie B per l’ASD Handball Città Sant’Angelo. Una stagione che si preannuncia ricca di obiettivi e carica di ambizioni, con la volontà di riportare la città ai vertici della pallamano abruzzese e nazionale.

“La nuova società è nata due anni fa quando Gabriele D’Elia, ex giocatore e attuale presidente, insieme a Mauro Martellini, Guido Semprini e Matteo D’Alonzo hanno preso le redini del sodalizio – dice Andrea Mariotti, ex giocatore di Serie A e attuale dirigente - L’anno successivo altre bandiere locali sono entrate a far parte dell’asset dirigenziale, ovvero Claudio Presutti e Marcello Gabriele, ora allenatore della prima squadra”.

Quello della formazione arancio-nera è un progetto nuovo ma che ha posto già le prime solide fondamenta nella passata stagione. “La squadra ha sfiorato addirittura la promozione in A2 – spiega Mariotti - Il sogno si è infatti interrotto solo in finale play-off contro la corazzata Ogan Pescara. La voglia di rivalsa è tanta così come quella di dare continuità ad un progetto che ha già una base di spessore, lasciando molto spazio ai più giovani”.

L’Handball Città Sant’Angelo disputerà la prima fase nel raggruppamento nel girone di “Area 6” insieme alle formazioni abruzzesi e marchigiane, ma disputerà anche i campionati giovanili sfruttando un gemellaggio con la società di Silvi. “Oltre al raggiungimento del massimo risultato possibile della prima squadra, l’obiettivo e la premura della dirigenza è anche quello di far crescere il proprio settore giovanile cercando di far leva sulle attività scolastiche”.

(foto: Emanuele Biancofiore)