Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità, contenuti e servizi più vicini ai tuoi gusti e interessi. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate. Per per saperne di più fai clic qui.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/editor/pierluigi-boscia.jpg

Dal Territorio – L’Area 6 ha un nuovo coordinatore arbitrale. Pierluigi Boscia già a lavoro

Dal Territorio - Area 6

Pierluigi Boscia ha accettato l’incarico di coordinatore arbitrale e subito ha iniziato a lavorare con una serie di iniziative volte proprio a riqualificare il settore, incrementando il numero di fischietti presenti nelle regioni di Abruzzo e Marche.

“Collaborare in due regioni importanti come le Marche e l’Abruzzo è una sfida importante che, non posso negarlo, mi stimola notevolmente – commenta il neo-coordinatore - Sono conscio delle difficoltà oggettive che dovrò affrontare ma con la collaborazione della nostra commissione tecnica, degli organi territoriali e, con l’esperienza accumulata negli anni ricomprendo tale ruolo soprattutto in Campania, ma anche più volte in Puglia e Calabria, riuscirò a dare un impulso alla crescita di organico e di qualità tecnica nell’area”.

Tanto il lavoro da svolgere, per un settore che può contare su molti punti di forza, oltre a qualche criticità fisiologica. “Il settore arbitrale è governato da un organo tecnico esperto, completo e coeso all’interno del quale tutti i componenti hanno un incarico specifico – dice Boscia - Ben chiari sono a tutti gli attuali punti di forza e quali le criticità. Tra queste ultime molta attenzione è rivolta al reclutamento e alla formazione delle nuove leve. Stiamo predisponendo iniziative appunto rivolte ad attirare l’interesse dei giovani verso il ruolo di arbitri di pallamano, soprattutto al fuori del mondo degli atleti. Oggi molti sono i giocatori-arbitri, i quali però il più delle volte danno, priorità agli impegni di giocatori e che, hanno un impegno limitato alle categorie giovanili”.

Ora però è tempo di pensare al futuro e ad una serie di appuntamenti di interesse nazionale che proveranno ad avvicinare molti ragazzi all’attività arbitrale. “Una delle prime iniziative messe in campo è l’istituzione del “Referee Day” che ogni area organizzerà preliminarmente all’inizio dei campionati. L’evento, riservato alla formazione e all’aggiornamento degli arbitri regionali e agli allievi arbitri, viene organizzato in concomitanza con tornei o partite singole, utilizzando quindi palestre e palazzetti. All’interno delle strutture e negli a spazi adiacenti vengono predisposti punti informativi sul ruolo, sui compiti, sulle prospettive che si hanno iniziando la carriera arbitrale”.