Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità, contenuti e servizi più vicini ai tuoi gusti e interessi. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate. Per per saperne di più fai clic qui.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/editor/foto_benevento_maschile.jpg

Dal Territorio - Handball Benevento, orgoglio e tradizione. “Presto riavremo la nostra casa”

Serie A2 Maschile

Un movimento che guarda con ottimismo e non poche ambizioni al futuro grazie al suo passato. E’ quello della pallamano maschile beneventana che grazie all’Handball Benevento, dove la quasi totalità di dirigenti sono ex atleti degli anni ‘80, è in corsa per un posto nei Play Off del girone C del campionato di A2 maschile.

Una società che dell’attività giovanile ne fa sempre il suo principale orgoglio e che con l’arrivo del tecnico croato Jaska Boglic ha avuto una crescita esponenziale in termini di praticanti,  sino all’arrivo della pandemia come spiega Carlo La Peccerella, ex giocatore della Pallamano Benevento degli “anni d’oro”, al timone della società da 11 anni.

“Se crediamo ai Play off? Se siamo in corsa perché no anche se, ad inizio di stagione, non era questo il nostro principale obbiettivo quanto far crescere e il gruppo di giovani che abbiamo in prima squadra. L’età media è una delle più basse di tutto il girone ed anche il nostro straniero, il moldavo Nichita Savcenco, atleta molto interessante, ha solamente 19 anni. Siamo rammaricati perché la nostra classifica, non fosse stato per alcune defezioni poteva essere migliore. Ma va bene così”.

Quindi un movimento che guarda con ottimismo al futuro anche se c’è un problema legato all’impianto di gioco.

“E’ inutile nasconderlo – continua La Peccerella – puoi fare tutte le migliori programmazioni di questo mondo ma quello che fa fare il vero salto di qualità è l’avere a disposizione un impianto e preferibilmente nella tua città. Noi per adesso non abbiamo un impianto cittadino visto che ci alleniamo e giochiamo in una struttura in un paese a 40 km da Benevento e malgrado ciò stiamo facendo un grande lavoro, basti pensare, ad esempio, che tre dei nostri U17  sono stati convocati per lo stage della Nazionale di categoria che si è svolto a Chieti. Il nostro augurio è che entro la fine di questa stagione si possa tornare a giocare a Benevento, questo ci consentirebbe di continuare nella nostra programmazione, di portare avanti il nostro progetto di crescita dei giovani. E quando lavori con serietà alla fine i risultati non possono che arrivare”.

(Foto: Handball Benevento)