images/editor/antonio_chiumento.jpg

Dal Territorio – Benevento, capitan Chiumento nel solco dell’icona Sangiuolo

Serie A2 Maschile

Giocare come il suo “capitano” Andrea Sangiuolo sino a superare la soglia dei 40 anni. E’ questo l’obiettivo di Antonio Chiumento capitano da 4 stagioni del Benevento.

Ventotto anni, sannita purosangue, Chiumento gioca da 17 anni sempre in club della sua città. Adesso è in fase di recupero dopo un intervento ai legamenti che lo ha tenuto lontano dai campi per diversi mesi anche se scalpita per rientrare.

“Ad onor del vero ho già giocato dopo meno di 4 mesi dall’intervento sotto forte sconsiglio del medico – ci dice sorridendo – ma la voglia di rientrare è tanta. Per adesso mi mancano i 60 minuti e sto lavorando duramente per questo. E penso di essere pronto per il prossimo gennaio”.

Un club il Benevento che punta sempre sui giovani.

“La nostra è una società ha sempre avuto la filosofia di puntare sui giovani – continua – e lo si vede con tutti gli atleti che ogni anno riesce a dare alle varie rappresentative nazionali. Anche quest’anno abbiamo un bel gruppo assortito e penso che possiamo disputare un bel campionato”.

Per Antonio infatti ci sono le condizioni per puntare in alto.

“Togliendo il Fondi che a mio avviso sta dimostrando di essere una spanna superiore a tutte le altre, sono convinto che noi possiamo puntare al secondo posto anche se non dobbiamo dimenticare che questo è un campionato molto equilibrato con squadre come Ragusa, Lanzara e Haenna che hanno sicuramente gli stessi nostri obiettivi”.

E Antonio Chiumento cosa si attende a titolo personale?

“Di rientrare il prima possibile – conclude – di poter contribuire a poter fare un buon campionato soprattutto per gli obiettivi della società e magari di continuare a giocare ancora per tanti anni possibilmente come ha fatto il mio predecessore con la fascia di capitano Andrea Sangiuolo che ha giocato da protagonista sino ad oltre i 40 anni”.   

(Foto: Benevento)