Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità, contenuti e servizi più vicini ai tuoi gusti e interessi. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate. Per per saperne di più fai clic qui.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/editor/foto_altamura_1.jpg

Dal Territorio. Le ambizioni dell’Altamura. “Vogliamo la A2”

Serie B Maschile

Ritornare il prima possibile in una categoria più consona alle proprie tradizioni. Non si nascondono affatto in casa Altamura, seconda in classifica nel girone calabro-pugliese del Campionato di serie B maschile. Il club pugliese, a prescindere di quale sarà la sua classifica finale, vuole ritornare in A2 dove ha militato per diversi anni nella più che trentennale storia il cui inizio risale al 1987.

 

“Riteniamo di avere un struttura societaria che ci consenta di poter guardare ad una categoria superiore – commenta Nicola Loviglio, vera anima della società – ma per adesso pensiamo a chiudere nel migliore modo possibile questo campionato di serie B”.

 

Una storia della pallamano ad Altamura anche al femminile con la squadra rosa che tra la fine degli anni 90 e l’inizio del terzo millennio raggiunse i vertici della massima serie. “Ma purtroppo in quel periodo non avendo un impianto ad Altamura eravamo costretti a giocare sempre in altri centri e per questo non abbiamo mai potuto puntare a qualcosa di più ambizioso. Ma dal 2006 abbiamo finalmente un impianto nella nostra città ed è fuor di dubbio che per noi tutto è diventato più facile”.

 

Soddisfazione anche con la squadra maschile arrivarono in quelle stagioni. Diverse le partecipazioni ai campionati di A2 e una promozione in A1 sfiorata nel 2011/2012. “Adesso stiamo cercando di ricostruire un movimento – continua Loviglio – abbiamo allestito un buon organico per la serie B con atleti tutti locali e la classifica ci sta dando ragione. Stavamo iniziando a lavorare molto bene anche con il settore giovanile, con una ottantina di praticanti, ma l’arrivo della pandemia ha di fatto bloccato questo percorso di crescita. Noi però al salto di categoria ci crediamo veramente. Ci crede il sottoscritto, ci credono prima di tutto i ragazzi che continuano ad impegnarsi quotidianamente negli allenamenti e nelle partite”

(Foto: Nicola Loviglio)