Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità, contenuti e servizi più vicini ai tuoi gusti e interessi. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate. Per per saperne di più fai clic qui.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/editor/foto_serra_fasano_1.jpg

Dal Territorio – La Mission del Serra Fasano: valorizzare il talento

Serie B Maschile

C’è lo Zoo Safari, ma soprattutto c’è la Pallamano. Fasano è un caso quasi unico in Italia perché in un centro di circa 40 mila abitanti si trovano ben tre società che militano tra la massima serie e quella cadetta.

Una di queste, che in 13 anni di attività si è ritagliata uno spazio importante, è la Innotech Serra Fasano. Nata da un gruppo di amici guidati dall’attuale presidente Lino Alberto Soleti, vecchia bandiera della pallamano non solo fasanese, la società - cui è stato dato il nome di Serra in onore di Roberto (pioniere della Pallamano a Fasano) – iscritta al campionato di serie B punta tutto sulla crescita sportiva ed umana dei tanti giovani che fanno parte di questa grande “famiglia” come spiega Francesco Trapani, allenatore di lungo corso sia a livello giovanile che senior.

“La Serra Fasano nasce proprio con l’intento di curare nel migliore modo possibile il settore giovanile – commenta – noi infatti siamo ritornati a partecipare ad un campionato Senior come appunto la serie B per fare giocare ancor di più i nostri giovani che così oltre ai loro campionati di appartenenza hanno anche questa opportunità”.

Una società che apparentemente non ha particolari ambizioni ma invece non è affatto così. “La nostra mission è quella della crescita dei giovani – continua il direttore tecnico Trapani – prima che arrivasse la Pandemia avevamo una sessantina di ragazzi che praticavano con noi la Pallamano in tutti i campionati dall’U13 in su, e oltre trecento bambini coinvolti dall’attività promozionale nelle scuole. Ma poi l’attuale situazione ha penalizzato tutto e quindi la scelta di partecipare al Campionato di Serie B è stata presa anche per dare una opportunità in più a tutti i nostri ragazzi. E non sono pochi ad esempio tra gli U17 che si stanno ritagliando minutaggi importanti in prima squadra sotto la guida di coach Massimo Cassone”.

Quindi una società che tiene i “motori accesi” in attesa di ritornare a fare quello che è nel suo spirito societario. “Intanto continuiamo così – conclude Trapani – dopodiché appena si potrà ritornare a fare attività senza nessun rischio ripartiremo alla grande con l’attività giovanile in tutte le categorie”.    

(Foto: Lucia Rosato)