Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità, contenuti e servizi più vicini ai tuoi gusti e interessi. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate. Per per saperne di più fai clic qui.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/editor/sardegna.jpg

Dal Territorio - La ripartenza della Sardegna. Soddisfatto Fancellu: "In sintonia con Roma"

Dal Territorio - Area 10

La Sardegna è da sempre territorio molto fertile nella pallamano e anche questa stagione sembra confermare il trend con la Raimond Sassari che lotta per le
primissime posizioni in Serie A Beretta maschile, mentre Nuoro punta alla salvezza nel torneo femminile. Folta inoltre la presenza dei team isolani in Serie A2 con
Verdeazzurro e Nuoro tra gli uomini e Lions Sassari tra le donne.

“Il movimento sta andando molto bene e i tifosi sardi non si annoiano sicuramente – spiega il delegato regionale Antonello Fancelluè il frutto di una presenza
ultraquarantennale di società sul territorio. Chiaramente c’è sempre da migliorare e stiamo provando a costruire qualcosa anche nel sud dell’Isola per espandere la
pallamano su tutta la regione. Qualcosa si sta già muovendo…”

Una presenza importante, quella del delegato regionale, che fa da collante tra l’attività della Federazione e quella delle singole società presenti. “Ho accolto con grande entusiasmo l’incarico che mi ha conferito il Presidente Pasquale Loria, che ringrazio per la fiducia che mi ha concesso. Stiamo raggiungendo traguardi importanti, attivando un collegamento diretto con gli organi centrali come dimostrano le presenze in Sardegna del direttore tecnico della Nazionale di beach handball Daniel Lara Cobos e il CT Riccardo Trillini, che ha avuto modo di testare la rappresentativa under 17. Pian piano si è creata una struttura in grado di essere organizzata su ogni aspetto dell’attività, in simbiosi con la Federazione, e per questo ringrazio le figure di Gianni Cenzi e Fabrizio Quaranta”.

Un processo di crescita costante, che ha dei precisi obbiettivi per il futuro, contando però qualche difficoltà legata all’emergenza sanitaria che ha tardato l’avvio dei
campionati di Serie B e settore giovanile: “Non è semplice – dice Fancellu – poiché non ci sono grossi numeri e le difficoltà naturali del territorio sono molte.
Aspettiamo, in modo da poter svolgere le competizioni nel pieno rispetto delle regole, della sicurezza, e nella modalità più comoda e congeniale alle società”.