Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità, contenuti e servizi più vicini ai tuoi gusti e interessi. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate. Per per saperne di più fai clic qui.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/editor/fancellu-perra.jpg

Dal Territorio – Il neo Presidente del Coni Sardegna “stregato” dalla pallamano

Dal Territorio - Area 10

Il CONI Sardegna ha da poco una nuova guida.  Bruno Perra ha vinto al secondo scrutinio le elezioni tenutesi di recente. Sessantenne, Perra ha già ricoperto la carica di presidente regionale FIP (Federazione Italiana Pallacanestro), ma non nasconde la sua simpatia nei confronti della pallamano. 

“E’ un motivo di grande orgoglio per la regione – spiega Perra – raggiungere certi traguardi partendo da un’isola e con mille difficoltà è solamente da applaudire”.

Nella pallamano la Sardegna vanta una grande tradizione, due al momento le formazioni in Serie A Beretta: la HAC Nuoro nel torneo femminile e la Raimond Sassari in quello maschile. “C’è una grande passione per la pallamano in Sardegna – continua il neo-presidente – e noto con piacere che il delegato regionale Antonello Fancellu svolge il proprio compito con entusiasmo e competenza. Ci sono diverse compagini che stanno facendo un’ottima figura a livello nazionale e anche i singoli elementi si stanno distinguendo”.

Tuttavia c’è sempre da migliorare, e uno degli obiettivi essenziali per il futuro è quello di espandere la pallamano lungo tutta l’isola. Dobbiamo sicuramente aumentare le infrastrutture che rappresentano un problema atavico della Regione, ma anche cercare di portare lo sport nelle scuole per promuovere questa bellissima disciplina. La pallamano sta facendo un gran lavoro nella comunicazione, personalmente ho assistito alle partite della Nazionale, alle Finals di Coppa Italia, alle partite dei Mondiali e sul piano dell’immagine e della diffusione dello sport è difficile fare di meglio. Mi complimento con la Federazione centrale anche per l’organizzazione dei campionati, nel rispetto del protocollo, il che ha avvicinato alla pallamano anche molti ragazzi provenienti da altre discipline.”