Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità, contenuti e servizi più vicini ai tuoi gusti e interessi. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate. Per per saperne di più fai clic qui.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/editor/melidoro-petrini.jpg

Dal Territorio - Riccardo Melidoro, la speranza della Verdeazzurro Handball

Dal Territorio - Area 10

Si è da poco completato lo stage della Nazionale Under 17 presso il Centro Tecnico Federale di Chieti “La Casa della Pallamano”. Tre giorni di lavoro con i migliori talenti della Penisola e tra i selezionati anche il sardo Riccardo Melidoro della Verdeazzurro Handball.

“L’accoglienza è stata da dieci e lode e i ragazzi davvero forti e simpatici – commenta Melidoro - lo stage è stato veramente faticoso ma abbiamo dato il massimo e continueremo a darlo nel corso della stagione. Qualche ragazzo lo avevo già conosciuto in occasione delle finali nazionali e del Trofeo delle Aree, ma anche con chi non conoscevo è stato facile interagire. Si è creato subito un bel gruppo, in modo particolare con i ragazzi siciliani”.

Pur essendo ancora giovanissimo, Riccardo non ha cominciato a giocare a pallamano da moltissimo tempo. “Ho iniziato a giocare relativamente tardi, all’età di 12 anni, e sono rimasto sempre nella stessa squadra che oramai è la mia seconda famiglia. Devo ringraziare i mei allenatori e le mie allenatrici che mi hanno cresciuto e dato la possibilità di arrivare fin qui”.

Il campionato di Serie A2 vede attualmente la formazione sarda nella prima metà della classifica, in sesta posizione con 16 punti, frutto di otto vittorie e nove sconfitte. Un bilancio soddisfacente, considerando anche le molteplici sfortune che hanno colpito la squadra. E’ una stagione abbastanza difficile per via della pandemia e degli infortuni che quest’anno ci hanno molto penalizzato – spiega Riccardo - ma noi siamo una squadra che sa stringere i denti, con tanto coraggio, anche quello di dare spazio ai giovani in un campionato difficile come quello di A2”.

Le formazioni in cima alla classifica non sono lontanissime e così non è impossibile immaginare di poter competere anche per la promozione. Credo che nulla sia impossibile, dobbiamo solo volerlo e lavorare duro. Per quanto mi riguarda – conclude -  voglio crescere ancora tanto e coronare il sogno di vedere il mio club in Serie A Beretta”.

(foto: Fabrizia Petrini)