Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità, contenuti e servizi più vicini ai tuoi gusti e interessi. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate. Per per saperne di più fai clic qui.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/editor/verdeazzurro-2022-claudio-atzori.jpg

Dal Territorio – A2/M. La Verdeazzurro sogna in grande. “Abbiamo attrezzato una squadra competitiva”

Dal Territorio - Area 10

Il campionato di Serie A2 maschile ha preso il via ormai da tre settimane, con la Verdeazzurro che tiene alto il nome della Sardegna nel gruppo B, viaggiando a metà classifica con tre punti, frutto di una vittoria, un pareggio ed una sconfitta.

Una stagione che è partita però in maniera molto ambiziosa, con qualche ingaggio di spessore che ha portato sull’isola giocatori in grado di garantire un bel passo in avanti e avvicinare le primissime posizioni. “Quest’anno abbiamo cambiato molto, prendendo due atleti Italo argentini, Gonzalo Sgarella e Francisco Zidarich, che ci hanno permesso sia di allungare il roster e di essere pericolosi ovunque – ha dichiarato il tecnico Patrizia Canu - siamo ancora però in fase di rodaggio: dobbiamo imparare a conoscerci e le prime partite lo rivelano chiaramente. C’è tanto lavoro da fare ma io sono fiduciosa, conosco il potenziale della mia squadra”.

Un avvio altalenante ha però ridimensionato in parte le aspettative, iniziando con una vittoria ma lasciando per strada punti preziosi. “Abbiamo iniziato la stagione con la vittoria a Casalgrande, e poi abbiamo pareggiato col Follonica e perso col Pescara, dopo una partita condotta fino agli ultimi minuti – spiega Patrizia - non nego che questa sconfitta ci bruci: al tempo stesso ci ha rivelato tante cose, il gruppo è più unito che mai. Sa che deve lavorare e sputare sangue”.

Tuttavia, il campionato è ancora lungo e tutto può ancora accadere, infiammando la lotta per le prime posizioni. “Gli obiettivi sono quelli di alta classifica. Dopo un anno in cui, tra infortuni gravi ad atleti-chiave e covid, abbiamo voglia di divertirci. E sono sicura che lo faremo: meglio che le problematiche si vedano all’inizio. Il campionato è molto lungo e equilibrato. Staremo a vedere”.

(foto: Claudio Atzori)