Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità, contenuti e servizi più vicini ai tuoi gusti e interessi. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate. Per per saperne di più fai clic qui.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/2013/palleggio.jpg

Il palleggio: una introduzione (1)

Il palleggio è l’elemento tecnico che consente a un giocatore di spostarsi per il campo con la palla, nei limiti del regolamento tecnico di gioco.

A differenza, ad esempio, di passaggio e tiro, come palleggiare è definito dal regolamento (regole 7.4 e 7.7) e citare il regolamento è il primo modo per insegnarlo.

Siamo abituati, didatticamente, a definire tre tipi di palleggio (alto, normale, basso), tralasciando le funzioni del palleggio stesso, le quali sono effettivamente ciò che definiscono e creano i tipi di palleggio.

Diapositiva1

Come vediamo dal grafico, il palleggio soddisfa innanzitutto l’esigenza di spostamento nello spazio e in particolare di avanzamento verso la porta e/o un avversario da superare e di rispetto delle regole del gioco, ma assume una fondamentale importanza nella gestione dei tempi di gioco.

A più alto livello, il palleggio diventa uno strumento per manipolare i tempi di gioco nel duello con il difensore permettendo di rallentare e/o accelerare il gioco, chiamare su di sé un difensore, creare un passaggio.

Infine, sempre nella categoria “tempo”, il palleggio ha una funzione più fine di raccordo tra due fasi del gioco o due attacchi all’interno della stessa fase di gioco.

Diapositiva2

Il palleggio, chiaramente subito dopo il tiro, è necessario e predominante nelle fasi di avviamento alla pratica della Pallamano. È l’unico elemento precedente al tiro che dà autonomia al giocatore.

In particolare nelle prime categorie promozionali, il bambino vede il palleggio come l’unico strumento che gli permette di avvicinarsi alla porta e segnare un gol. Il passaggio e la collaborazione sono qualcosa di più complesso (dal punto di vista della socialità del bambino) che va introdotto successivamente.

La bravura del tecnico dev’essere quella di capire il momento in cui iniziare la lenta riduzione dell’uso del palleggio, privilegiando, in partenza, azioni più veloci (passaggio e 1v1 dal passaggio) e sottolineando l’importanza del palleggio come strumento per manipolare dopo una prima azione i tempi di gioco.