Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità, contenuti e servizi più vicini ai tuoi gusti e interessi. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate. Per per saperne di più fai clic qui.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
wp-content/uploads/2017/05/oderzo-1.jpg

2^ Divisione Femminile: Oderzo e Bozen promosse in Serie A1

Campionati Nazionali

Oderzo e Loacker-Volksbank Bozen fanno festa: per entrambe sarà Serie A1 nella prossima stagione. Un traguardo raggiunto piazzandosi al vertice della classifica nella 2^ Fase Eliminatoria della 2^ Divisione femminile che è chiusa oggi (domenica ndr) sul neutro del Pala Santa Filomena di Chieti.

A venete e altoatesine erano già bastate le prime 4 partite del cammino della Final6 per staccare un pass che porta dritti alla massima serie. Promozione storica per entrambe. Per Oderzo - unica formazione giunta in Abruzzo da 2^ classificata nel proprio girone - la gioia è esplosa grazie ai successi contro due dirette concorrenti per la vetta, Cingoli (23-22) e quel Raluca già affrontato nel Girone A in Regular Season (26-24). Mentre Bolzano, pur perdendo una partita proprio contro Oderzo, ha l'aritmetica dalla propria parte coi suoi 9 punti e i successi netti su Cingoli (26-20) e Veressenze Messina (34-19). Per il team altoatesino è peraltro un week-end magico, tra promozione in A1 e accesso alla finale Scudetto del team maschile.



Le partite di questa mattina hanno confermato, poi, quanto visto nei primi due giorni a Chieti. E allora Oderzo in vetta alla classifica - con 5 vittorie in altrettante partite - e Bolzano subito dietro a quota 12 punti. Per entrambe è festa. Per entrambe è Serie A1.

La classifica finale della 2^ Fase Eliminatoria:

Oderzo 15 pti, Loacker-Volksbank Bozen 12, Raluca 6, Cingoli 6, Veressenze Messina 6, Sardegna 0

Tutti i risultati sono online nella sezione "Risultati e Classifiche".

[foto: Pallamano Oderzo]